letterina di babbo natale

 Babbo Natale, vorrei:

La letterina di Ascanio a Babbo Natale…
Lui è già grande (così dice!) ma, dinanzi alla letterina, che bello “vederlo bimbo” mentre con il suo candore rivela i suoi desideri e disegna Babbo Natale♥ (quest’anno è stato bravissimo e Babbo Natale lo sa!).

La letterina di Brando a Babbo Natale…
Lui è ancora troppo piccolo per scrivere la letterina, ma appena vede Topolino in televisione, con il ditino ci indica il suo regalo di Natale: Ta-tta e i nostri cuori diventano di zucchero filato♥ (baby dolcezza inside)

La letterina di zia Shirley a Babbo Natale…
Carta e penna… (errata corrige!). Tastiera e computer (letterina del 2016!).

Stasera dinanzi alla tastiera e al sottofondo della televisione che trasmette immagini e note, eccomi, come una bimba, a chiedere a Babbo Natale i doni sotto l’albero.

Ciao Babbo Natale,
scriverti è davvero emozionante!

Ora prevale una certa ritrosia nell’aprirmi (tipico del mio carattere)… però provo a cimentarmi.

Cosa vorrei? La prima casa che mi viene in mente è credere sempre nei sogni, quelli realizzabili, quelli che ti svegli la mattina è sei carico di energia e di pensieri belli e forti. Quelli che se ti impegni si realizzano, perché ciò che pensiamo si può realizzare con tenacia e determinazione.

Vorrei vivere giornate dove al mattino mi sveglio e con gli occhi ancora stropicciati dal sonno, recarmi in cucina che profuma di caffè e incanto, sfornare biscotti e sogni e iniziare la giornata con Lui che mi fa nascere sorrisi e entusiasmi.

Vorrei realizzare la ricetta dell’anno, quella per cui gli altri dicono.” Però, le petit è brava”. Un cibo per il cuore buono e colmo d’amore.

Vorrei volare a New York  tra nuvole e arcobaleni.

Vorrei condividere il Natale anche con chi al Natale non crede più.
Perché il Natale è magia, quel giorno in cui tutto è possibile.

La mia letterina di Babbo Natale volge al termine.
Ah dimenticavo, una cosa, forse la più importante.
Babbo Natale, strizza l’occhio a me e a tutte le persone che hanno un cuore grande.
Noi ci accorgiamo sempre di te!

P.S.) Credete sempre a Babbo Natale, al vento che cambia e al potere delle coccole di un dolcetto al cioccolato

Per un’aria ancor più natalizia, una crostata delle feste! Marmellata di visciole, formine e tanto spirito natalizio, come dice Laura, autrice e fotografa di questa prelibatezza!

crostata di visciole

Crostata di visciole

400 gr. di farina 00 biologica
250 gr. di burro
160 gr. di zucchero a velo
2 gr. di sale
una bacca di vaniglia
72 gr. di tuorli freddi
1 confezione di marmellata di visciole

  1. Miscelate e setacciare le polveri.
  2. Unite il burro a pezzettini e lavorate fino a creare un composto sabbioso.
  3. Aggiungete lo zucchero a velo, il sale e  i semi della bacca di vaniglia.
  4. Ultimate con i tuorli.
  5. Lavorate l’impasto e  formate un panetto.
  6.  Avvolgete la pasta frolla nella pellicola.
  7. Porre  in frigo per almeno 2 ore.
  8. Con l’aiuto di un mattarello e di un po’ di farina stendete la frolla in uno strato di 5 mm.
  9. Imburrate e infarinate una tortiera di cm. 26.
  10. Ricoprire con la frolla e rimuovete quella in eccesso.
  11. Con l’ausilio di uno stampino create petits alberi di Natale e
  12. Riempite il guscio di pasta frolla con la marmellata di visciole e adagiate i decori.
  13. Passaggio in forno statico a 170° per 35 minuti circa fino a che la crostata non risulterà dorata e la marmellata non comincerà a sobbollire.
  14. Estraete dallo stampo quando la crostata sarà completamente fredda.

Assaporate dolcemente questa frolla burrosa con una petite tazza di caffelatte e sorrisi a profusione cosicchè una colazione ordinaria diverrà uno straordinario momento per iniziare la giornata!

Buon cibo per il cuore a tous le monde!

watermark_ptn_def

 

Comments

comments